Racconti di isole, venti, vele, nuoto e remi, oltre a qualche idea sul nostro mare quotidiano - Fabio Fiori

mercoledì 14 febbraio 2018

Libri di mare e di costa

Credo che Tilman avrebbe apprezzato, anche se mai immaginato, che le sue parole oceaniche potessero risuonare ieri tra le distese innevate di una piccola, gelida, "isola" appenninica.
"Tutti sanno quanto sia difficile soffiare e deglutire nello stesso tempo. Altrettanto difficile risulta conciliare alpinismo e vela". E' questo l'incipit di "Mischief in Patagonia", lo straordinario diario di viaggio di Harold William Bill Tilman, tradotto e pubblicato da poco in Italia da Edizioni Mare Verticale.
Michief è il nome della barca a vela con cui Tilman e alcuni compagni, partiti dall'Inghilterra, hanno attraversato l'Oceano Atlantico nel 1955, per scalare poi alcune vette dell hielo continental, ossia dei ghiacciai della Patagonia, sul versante occidentale. Un viaggio che prosegue risalendo il Pacifico, attraversando il Canale di Panama e riattraversando da ovest a est l'Atlantico, concludendosi nello stesso porto da cui erano partiti, dopo un anno e un giorno.

martedì 23 gennaio 2018

Insulomania

PONZA

In Italia, soprattutto durante il ventennio fascista, le isole erano galere o confini. Luoghi isolati, appunto, dove far scontare una pena o poter “tutelare la società contro i pericoli di turbamento alla sicurezza pubblica allontanando dal loro ambiente abituale persone che, per i loro precedenti penali e la loro condotta, dimostrano persistente tendenza a delinquere; e d'indurre tali persone a redimersi col lavoro … con anche uno scopo politico in vista degl'interessi nazionali”. Così si legge alla voce “confino” sull'Enciclopedia Treccani del 1931. Tante le isole, tanti i confinati: politici, stranieri, omosessuali, ebrei. Perciò spesso quando mettiamo piede su un'isola italiana camminiamo per strade e sentieri battuti anche da uomini che hanno fatto dolorose esperienze di confino. A Ponza, forse più di altri, è legato il nome di Giorgio Amendola che ha intitolato uno dei suoi libri più belli “Un'isola”, raccontando anche l'esperienza del confino dal 1933 al 1937. Nella prima edizione il libro ha in copertina un'acquaforte del profilo insulare, realizzato dalla moglie Germaine Lecocq. Con questa Amendola condivise un lungo periodo sull'isola, dove la sposò. Vissero insieme, malgrado la condizione, un'estate felice, in cui la sera leggevano i grandi romanzi dell'800, mentre “Dalla finestra aperta veniva una brezza profumata”.
...

L'articolo completo è pubblicato sul mensile BOLINA di gennaio 2018

lunedì 8 gennaio 2018

Presentazione

Sabato  13 gennaio 2018
ore 18
Libreria LOVAT
Trieste - Viale XX Settembre 20, c/o stabile Oviesse, terzo piano
Tel. 040.637399

Presentazione del nuovo romanzo
Il vento i giorni di Fabio Fiori

Con l'autore,
PAOLO RUMIZ, scrittore e giornalista

lunedì 11 dicembre 2017

Presentazione

Venerdì 15 dicembre 2017, ore 21
Libreria Riminese
Piazzetta Gregorio da Rimini, 13, 47900 Rimini RN

Presentazione del nuovo romanzo
Il vento i giorni di Fabio Fiori

Con l'autore,
Vera Bessone, giornalista del Corriere Romagna,
Giuseppe Ceci, musicista, suonerà il bouzouki, strumento della tradizione greca, e la chitarra.

domenica 10 dicembre 2017

Il nostro mare quotidiano

Italia sull’Oceano, non interessa perché non è un paese di marinai
Un mio intervento nella discussione sulla nuova vela tricolore che “dice e vince poco”
Potete leggerlo e commentarlo
La Stampa - Mare

Manca solo il mio Post Scrittum
Parafrasando Pier Paolo Pasolini, ad ogni modo, quanto a me (se ciò ha qualche interesse per il lettore) sia chiaro: io, ancorché multinazionale, darei l'intera Coppa America per una veleggiata in deriva.